Crosticine nel naso dolorose: cause e rimedi

Le croste nel naso sono un sintomo fastidioso di un’infiammazione, che può diventare sgradevole e doloroso, alcune volte, per non parlare della fuoriuscita di sangue. Le sue cause possono essere diverse, proprio come i rimedi.

Le cause

Le croste nel naso sono una conseguenza della secchezza delle mucose nasali, che può essere causata da un’infiammazione o un’irritazione, dovuta a:

  • disturbi allergici, tra le cause più frequenti, provocate magari dal polline, dalla polvere, dagli acari, etc;

  • rinite secca, una rinite dovuta a fattori esterni che seccano la mucosa, come il clima, il fumo, l’inquinamento o il lavorare in luoghi polverosi;

  • rinite cronica non allergica, nota come rinite cronica atrofica, un particolare tipo di rinite che atrofizza i muscoli delle funzioni nasali, riducendone la funzionalità;

  • infezioni, di tipo batterico o virali;

  • menopausa, che con il cambiamento ormonale, può anche provocare secchezza nel naso;

  • alcuni farmaci, soprattutto se assunti per un periodo prolungato, possono provocare secchezza nasale.

Tutte queste cause, oltre la secchezza delle mucose e la formazione di crosticine, possono provocare anche starnuti, tosse, prurito in gola, rinorrea, epistassi, lacrimazioni e bruciori agli occhi, mal di testa ed un senso di stanchezza.

I rimedi

Ovviamente, i rimedi per questo problema cambiano a seconda delle cause. Nel caso della rinite secca, è possibile usare dei decongestionanti nasali, che aiutano a “stappare” il naso, ma il loro uso prolungato può peggiorare la congestione, invece di migliorarla. Sia con questo tipo di rinite, che con le altre, è possibile rimediare con dei farmaci corticosteroidi o antistaminici (questi ultimi, nel caso delle allergie).

Combattere le infiammazioni, tuttavia, non basta: occorre che le normali funzioni fisiologiche del naso si ristabiliscano, e per questo, molto spesso, si consiglia di fare dei lavaggi nasali, con delle soluzioni saline, o applicare delle creme o gel specifici nella cavità nasale, soprattutto se si hanno delle epistassi.

In questo, per favorire la guarigione della rinite, è utile usare il sale del Mar Morto, ricco di calcio e magnesio, in grado di rigenerare i tessuti della mucosa nasale con i lavaggi.

I suffumigi, sono sempre il rimedio, soprattutto se a provocare le croste è un raffreddore. Si possono aggiungere all’acqua calda delle erbe officinali, come l’alloro, la camomilla e la menta, oppure una decina di gocce di olio essenziale, come quello all’eucalipto. Vi si può inserire anche del semplice bicarbonato di sodio, che è un antibatterico naturale.

Lenitiva, ed adatta per combattere le infiammazione, è di sicuro l’Aloe vera. Sotto forma di gel è possibile applicare nel naso, cicatrizzando le croste e dando anche sollievo.

In casi come la rinite cronica non allergica, è bene seguire delle buone abitudini, come fare una dieta equilibrata, bevendo due litri di acqua al giorno (in modo da mantenere idrati i tessuti). Se si hanno delle brutte abitudini, come il fumo, è meglio smettere, e se a provocare la secchezza nasale è un raffreddore, è importante anche assumere della vitamina C, che favorisce la guarigione, in generale. Assumere regolarmente degli integratori alimentari, per compensare delle carenze, può essere utile, per rendere più forte l’organismo.

Leggi anche:

Condividi su: