Scuola Delia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie Scuola

 
 

La Consulta boccia il limite al numero di docenti di sostegno


Per anni la deroga per assegnare posti di sostegno in organico di fatto per casi gravi sopravvenuti era diventata quasi una regola, tanto che tre anni fa quasi la metà dei posti di sostegno erano annualmente in deroga e, per legge, coperti da docenti con contratto a tempo determinato.

La legge 244/2007 (Finanziaria 2008) aveva abrogato la deroga e fissato un contingente massimo di posti di sostegno, tentando di stabilizzare un settore dove la discontinuità la faceva da padrona (con un carosello di docenti di sostegno particolarmente deleterio per gli alunni disabili).

Nonostante quella legge, vi sono state anche in questi ultimissimi anni diverse pronunce del giudice ordinario che, accogliendo il ricorso di genitori al cui figlio disabile era stato assegnato un numero di ore di sostegno inferiore a quanto certificato, hanno imposto all’Amministrazione scolastica di integrare le ore di sostegno, superando localmente il contingente dei posti di sostegno assegnato.

In Sicilia i genitori di un alunno con disabilità hanno presentato ricorso contro il dimezzamento delle ore di sostegno e, di giudizio in giudizio, hanno ottenuto il riconoscimento alla deroga. L’impugnativa per la presunta illegittimità costituzionale della deroga non concessa è stata promossa dal Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana davanti alla Corte Costituzionale, che si è pronunciata pochi giorni fa a favore.

La Consulta ha, infatti, accolto il ricorso con sentenza n. 80 depositata il 26 febbraio scorso, dichiarando “l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 413, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge finanziaria 2008), nella parte in cui fissa un limite massimo al numero dei posti degli insegnanti di sostegno”; e dichiarando “l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 414, della legge n. 244 del 2007, nella parte in cui esclude la possibilità, già contemplata dalla legge 27 dicembre 1997, n. 449, di assumere insegnanti di sostegno in deroga, in presenza nelle classi di studenti con disabilità grave, una volta esperiti gli strumenti di tutela previsti dalla normativa vigente”.

La Corte ha ricordato un principio sacrosanto: “ciascun disabile è coinvolto in un processo di riabilitazione finalizzato a un suo completo inserimento nella società; processo all'interno del quale l'istruzione e l'integrazione scolastica rivestono un ruolo di primo grado”.

NUMERO ALUNNI

1. Aumenta il limite massimo di alunni per classe, e la qualità diminuisce


Il regolamento per la razionalizzazione della rete scolastica (DPR 81/2009) ha previsto anche l’innalzamento dei limiti minimi e massimi per la formazione delle classi. In prima applicazione, per il 2009-10 è stato applicato soltanto l’innalzamento dei minimi, mentre il numero massimo verrà applicato dal prossimo anno scolastico. L’imminente disposizione ministeriale sugli organici terrà conto certamente di questa norma, con l’effetto di ridurre il numero delle classi del primo anno di corso e, conseguentemente, di risparmiare sugli organici del personale docente.

Va sottolineato che mentre l’elevamento del numero minimo di alunni non incide sulla qualità del servizio, quello del numero massimo sì, e negativamente, dal momento che nelle stesse aule ci saranno più alunni, e ogni insegnante dovrà quindi seguire più ragazzi.

Nelle sezioni di scuola dell’infanzia statale il numero minimo era già passato lo scorso anno da 15 a 18 bambini; il numero massimo passerà dal prossimo settembre da 25 a 26 bambini. In caso di più sezioni nella stessa scuola il numero massimo, già fissato a 28, passerà a 29 bambini.

Nella scuola primaria il numero minimo per costituire una classe era già passato l’anno scorso da 10 a 15 alunni. Dal prossimo settembre il numero massimo passerà da 25 a 26, elevabile a 27. Nei comuni montani, piccole isole e territori con minoranze linguistiche il minimo è confermato a 10.

Le pluriclassi, già costituite da non meno di 8 alunni (prima erano 6), da settembre potranno avere non più di 18 alunni (prima il limite massimo era fissato a 12).

Nelle prime classi della secondaria di I grado, dove il numero minimo l’anno scorso era salito da 15 a 18 alunni, il numero massimo passerà da 25 a 26, elevabili fino a 27 alunni.

Le prime classi delle superiori saranno costituite, di norma, da almeno 27 studenti (prima erano 25).

L’innalzamento del numero massimo di alunni superiore ai 25 per classe, oltre ad incidere sull’efficacia dell’azione didattica soprattutto ai livelli scolastici inferiori, pone un problema di rispetto delle norme di sicurezza, secondo quanto previsto dalle norme antincendio.

Torna ai contenuti | Torna al menu