Nuvole basse e scure: quando si verificano e perchè?

Le nuvole basse e scure, generalmente, sono sempre il segno che sta per arrivare un temporale, ma perché si verifica questo fenomeno, e qual’è la vera ragione per cui sembrano diventare nere?

Come e quando si presentano

Queste nuvole, generalmente, si presentano di forma rotondeggiante, detta cumuliforme, e nella maggior parte dei casi presagiscono l’arrivo di piogge. In realtà, solo di rado questo fenomeno sfocia in temporali, e in molti casi le precipitazioni sono leggere.

Di solito, queste nuvole si formano tra i sei e i dodici chilometri di altitudine, e si formano soprattutto nel periodo invernale. Nelle regioni dal clima temperato, queste nuvole hanno la base al di sotto dei duemila metri di altitudine.

Se si è degli amanti della vita all’aria aperta, si può imparare a riconoscere i vari tipi di nuvole, in modo da riuscire a capire quando è il caso di aspettarsi la pioggia oppure no.

Per farlo, occorre osservare:

  • la forma delle nuvole, che siano cumiliformi o stratificate;

  • l’altezza delle nuvole;

  • osservare il modo in cui circolano nell’aria.

Si può misurare la nuvolosità del cielo, tramite un’unità di misura chiamata okta, che va da una scala da 0 (che sta ad indicare il sereno) a 9 (quando il cielo è del tutto scuro).

Perché compaiono le nuvole basse e scure

Le nuvole basse si possono classificare in:

  • strati, dal colore grigio scuro e con un aspetto uniforme, e sono formate da piccole gocce di acqua, e possono provocare delle leggere piogge, e si verificano con una bassa temperatura e la nebbia sollevata;

  • nembostrati, di colore grigio, quasi nero, e delle dimensioni più grandi di quelli degli strati, e può essere considerata una nube tipica del maltempo, ma raramente sfocia in un temporale, e nella maggior parte dei casi sono accompagnate da venti molto forti;

  • stratocumuli, sono le classiche nuvole, scure e basse, che possono estendersi per tutto il cielo, ed in questo caso si possono verificare delle precipitazioni, anche se deboli;

  • cumulonembi, ovvero le nuvole temporalesche, si formano quando c’è una forte instabilità nell’atmosfera, ed in queste nubi si può ammassare dell’elettricità statica e, per quanto possa sembrare strano, si possono formare nelle ore più calde della stagione estiva.

In sostanza, queste nuvole basse e scure compaiono quando il clima è instabile, sia che faccia troppo caldo o troppo freddo, ma non sempre il loro arrivo è segno di uno scoppio di temporali (non troppo forti, almeno).

Leggi anche: