Come scegliere il quadro per la camera da letto

Quando si decide di arredare la propria casa non ci si limita a pensare a come ammobiliarla ma anche a cosa acquistare per renderla piú confortevole e personale. In effetti ciò che rende una casa personale in tutto e per tutto sono proprio le piccole cose che fanno la differenza come i soprammobili, i libri, il tipo di lampade e i quadri appesi alle pareti.

La stanza che forse piú di tutte ci rappresenta è la stanza da letto poichè rappresenta quello spazio intimo e personale che solo gli amici e i conoscenti piú intimi conoscono ed è proprio qui che possiamo sbizzarrire la nostra fantasia e scegliere ciò che piú si adatta a noi.

Solitamente l’oggetto personale che piú frequentemente si sceglie di acquistare per la camera da letto è un quadro.

Un quadro è un oggetto d’arredo che non richiede uno spazio particolare poiché si può appendere su qualsiasi parete ma allo stesso tempo è in grado di conferire una personalità alla stanza che prima non c’era.

Un quadro è la soluzione più pratica e veloce per personalizzare qualsiasi ambiente e per creare subito quell’atmosfera di “casa” che è  necessario avere per sentire quelle mura davvero proprie.

Come scegliere il quadro da appendere?

consigli per scegliere un quadroOvviamente essendo un oggetto che ha il compito di personalizzare la stanza deve rappresentare un aspetto della nostra personalità ed incontrare i nostri gusti ma è altrettanto importante che esso non vada ad interferire con l’arredamento della stanza.

Non deve essere un quadro di dimensioni eccessive da oscurare il resto dell’arredamento e deve cercare di rispettare il lait motiv dell’arredamento stesso.

Un quadro completamente in disaccordo con l’arredamento tende a balzare all’occhio in senso negativo non lasciando il giusto spazio a ciò che lo  circonda.

Sarebbe consigliabile scegliere un quadro che rappresento qualcosa di rilassante come ad esempio un paesaggio e che sia rappresentato con toni chiari e pastello che sia in grado di illuminare la stanza e darle un aspetto ancor piú riposante.

Se è possibile sarebbe bene scegliere anche un tipo di cornice minimalista che sia facile da appendere, che non rischi di cadere e che non appesantisca l’arredamento magari di per sè giá un pochino ridondante.

Quello che è importante è scegliere un giusto compromesso tra qualcosa che piace e qualcosa che non stoni con l’arredamento circostante.

Anche se magari qualcosa di eccessivo o totalmente differente dal resto all’inizio ci sembra una buona idea con l’andare del tempo rischia di stufarci e trasformarsi in quell’elemento della stanza di cui si può tranquillamente fare a meno e quindi è bene scegliere con cura i propri quadri.

Leggi anche: