Ho un negozio: mi conviene affittarlo?

E’ una domanda lecita, per chi possiede un locale che si può utilizzare come negozio, ma bisogna tenere conto di alcuni fattori.

I motivi per cui affittare un negozio

Sicuramente, è più conveniente affittare un negozio che venderlo, per diverse ragioni. Secondo alcuni dati, risalenti al giugno del 2017, in Italia chiudono all’incirca 122 negozi al giorno. Da questo dato, si può capire che è difficile venderlo, quindi è meglio affittarlo: è più facile trovare degli affittuari.

Sembra che affittare un negozio sia più facile che affittare una casa, perché il lordo annuo è più alto, senza contare che si può detrarre dalle tasse il 65 % per quanto riguarda il risparmio energetico.

Ovviamente, se si vuole affittare un negozio, bisogna anche considerare la sua localizzazione e la sua grandezza, per stabilirne anche i prezzi.

Come si affitta un negozio?

Prima di affittare un locale commerciale, è bene leggere tutte le norme vigenti che riguardano gli immobili di questo genere. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge a un’agenzia immobiliare, ma se si tratta di un piccolo locale, che magari si vuole affittare a un conoscente, è bene sempre ricorrere a un intermediario, per il contratto. In sostanza, per affittare un negozio bisogna:

  • stipulare un contratto d’affitto;
  • seguire l’iter burocratico per gli affitti dei negozi;
  • rivolgersi a un notaio o a un pubblico ufficiale, per sbrigare tutte le formalità.

Per sapere se un locale può essere adibito per fini commerciali, è importante assicurarsi che rientri nei criteri della legge dell’equo canone. La durata dell’affitto deve essere di almeno sei anni, che si possono rinnovare ulteriormente. All’interno del contratto, dovrà essere presente anche una clausola specifica per i casi di recessione anticipata, che possa permettere al locatore e al locatario, di disdire il tutto, se diventa necessario.

Se il locale è soggetto all’IVA, si dovrà pagare un’imposta per la sua registrazione, che corrisponde all’1 % del suo canone annuale. Le spese fiscali, invece, dovranno essere pagate a metà sia dal proprietario del locale che dall’affittuario. E’ possibile, per quest’ultimo, subaffittare il locale, se cede anche la sua “azienda” e lo comunica al proprietario tramite una raccomandata con avviso di ricevimento.

Alcuni, per risparmiare tempo e denaro, preferiscono provare ad affittare appartamenti o locali tramite il web, in modo da non dover versare delle commissioni a un’agenzia.

Concludendo, attualmente affittare un negozio può essere più conveniente che venderlo, ma bisogna rispettare tutte le norme e avere un quadro chiaro di tutte le spese.

Leggi anche: