Scuola Delia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Valutazione

Documenti > POF

La valutazione degli alunni riveste un ruolo determinante nello sviluppo dell’azione educativa della scuola.
Tuttavia essa non si limita a una semplice misurazione dei risultati conseguiti al termine del  periodo scolare, ma è lo strumento piu’ efficace per autoregolare costantemente i processi di insegnamento-apprendimento e serve a stabilire:

Le competenze acquisite dell’alunno.potenzialità reali e peculiari di ciascun allievo da poter trasformare in successive e piu’ approfondite competenze.grado di efficienza delle risorse ( docenti, discipline, laboratori) messe a punto dalla scuola.

Si effettuerà attraverso:

La valutazione diagnostica ( serve per conoscere la situazione d’ingresso degli alunni e poter meglio definire il Piano di Studio Personalizzato ).
La valutazione formativa controlla in itinere il processo di insegnamento / apprendimento;verifica gli esiti formativi;mira al recupero di lacune evidenziate .
La valutazione sommativa è espressa dalla scuola alla fine dei quadrimestri nei quali l’anno scolastico è suddiviso. Consente di apprezzare e certificare le competenze degli alunni ovvero la loro capacità di utilizzare in modo organico e aggregato le conoscenze e le abilità che hanno acquisito durante una parte significativa del loro processo formativo.

STRUMENTI VALUTAZIONE
Per valutare in modo oggettivo e “autentico” è necessario utilizzare una molteplicità di strumenti; a tale scopo gli insegnanti utilizzano.

  • Osservazioni occasionali e sistematiche ( annotazioni nel corso dell’attività sul numero e sulla qualità degli interventi, griglie di osservazione, richieste e comportamenti in relazione all’argomento di lavoro, registrazioni e trascrizioni, tabulazione di dati. promemoria analitici, registro ...);

  • prove scritte (prove oggettive di tipo: vero o falso, risposte a scelta multipla. elaborati personali, cloze test, abbinamento, relazioni, completamento, domande aperte...);

  • prove orali (domande, esposizioni orali, risposta a domande precise, interventi spontanei, capacità di sostenere una conversazione, capacità di argomentare;...).

  • prove pratiche;

  • raccolta mirata di schede e di informazioni significative per la compilazione del Portfolio delle competenze individuali;


La valutazione viene esplicitata dall’insegnante attraverso:

  • giudizi espressi sulle prestazioni didattiche e sulle prove di verifica;

  • giudizio sintetico espresso nel documento di valutazione ufficiale, alla fine del primo quadrimestre e conclusivo (scheda).


TEMPO VALUTAZIONE
Pur essendo il momento della verifica costante e continuo, possono essere evidenziati particolari periodi quali:

  • Prove di verifica entro il primo mese dell’anno scolastico (prove d’ingresso), allo scopo di verificare le abilità possedute e le competenze acquisite rispetto agli indicatori disciplinari;

  • Prove di verifica nel corso del quadrimestre ogni qualvolta viene conclusa un’unità di lavoro;

  • Prove di verifica a conclusione del primo quadrimestre come momenti di regolazione della programmazione disciplinare.di verifica a conclusione dell’anno scolastico per accertare i livelli di “competenza acquisita” rispetto alle “competenze attese” di ogni singolo alunno.


OGGETTO DI VALUTAZIONE
Poiché la scuola si propone di formare in modo globale, saranno oggetto di valutazione:

  • L’aspetto socio – relazionale ( comportamento e relazionalità)

  • L'aspetto cognitivo ( l’apprendimento ovvero conseguimento degli obiettivi prefissati nelle discipline );

  • L’aspetto espressivo ( capacità di comunicazione verbale e non );

  • L’aspetto metacognitivo ( inteso quale consapevolezza e capacità di controllo che l’alunno ha del proprio processo di apprendimento);

  • L’aspetto motivazionale ( interesse, impegno, partecipazione… ).


GIUDIZI ANALITICI
Nella Scuola Primaria e nella Scuola Secondaria di primo grado la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni  e la certificazione delle competenze da essi acquisite sarà espressa in decimi. Nella Scuola Primaria sarà illustrata anche con giudizio analitico sul livello globale di maturazione raggiunto dall'alunno. Anche la valutazione del comportamento sarà espressa in decimi.
La votazione sul comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a sei decimi, la non ammissione al successivo anno di corso o all'esame conclusivo del ciclo”.(Art. 3 del Decreto legge n. 137 del 01 settembre 2008).

10  eccellente
9   ottimo
8   buono
7   discreto
6   sufficiente
5   insufficiente
4   gravemente insufficiente
3   nettamente insufficiente
2   negativo
1   nullo


 VALUTAZIONE DIVERSAMENTE ABILI
La valutazione degli alunni diversamente abili sarà relativa agli interventi educativi e didattici effettivamente svolti in base al P.E.I.
Se l’alunno segue la programmazione della classe, la valutazione seguirà gli stessi criteri adottati per i compagni, con particolare attenzione alle specifiche difficoltà certificate.
Se l’alunno segue una programmazione ridotta o alternativa nelle metodologie, la valutazione considererà il percorso compiuto dall’alunno e ne determinerà le conoscenze e le competenze acquisite.
Se l’alunno, con particolari disabilità cognitive, segue una programmazione semplificata e diversificata rispetto a quella dei suoi compagni di classe, si garantirà la possibilità di ammissione alla classe successiva, senza l’obbligo di attribuire alcun voto (C. M. N° 139 del 29/05 1991). Alla fine del percorso scolastico sarà rilasciato un attestato di frequenza.
La valutazione, sia periodica che finale, sarà sempre correlata al P.E.I. e prescinderà dal raggiungimento degli obiettivi standard, in quanto riguarderà il progresso dell’allievo in rapporto alle sue potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali.
In tal senso la valutazione assume una connotazione formativa perché evidenzia le mete anche minime raggiunte dall’alunno, ne valorizza le risorse personali indicando le modalità per svilupparle, lo aiuta a motivarsi e a sviluppare una immagine positiva e realistica di sé.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu