Sonda spaziale Juno: cos’è, caratteristiche, caduta e curiosità

La sonda spaziale Juno è stata lanciata dalla NASA, nel 2011, per studiare il campo magnetico di Giove. Ma cosa la rende diversa dalle altre sonde? Quali sono le scoperte che ha permesso di fare? Quali sono gli ultimi aggiornamenti sulla missione?

Scopriamolo in questo articolo, in cui viene spiegato cos’è la sonda Juno, le sue caratteristiche, gli strumenti a bordo, quando è avvenuto il lancio, le curiosità riguardanti la caduta e la lista di tutti gli ultimi aggiornamenti della missione Juno.

Le caratteristiche e gli strumenti della sonda

La sonda Juno ha come obiettivo quello di capire le proprietà strutturali e le dinamiche del pianeta Giove, misurandone le dimensioni e la massa del nucleo, i campi gravitazionali e quelli magnetici. Ciò include anche la misurazione della composizione dell’atmosfera e la struttura tridimensionale della magnetosfera dei poli.

Una sua caratteristica particolare, è che la sonda è dotata di tre pannelli solari, il che significa che i suoi strumenti vengono ricaricati dall’energia del sole.

A bordo della sonda, si trovano diversi strumenti scientifici, come:

  • I radiometri, che misurano l’atmosfera di Giove con onde radio;
  • un magnetometro, per tracciare una mappa del campo magnetico, determinando anche le dinamiche del nucleo di Giove e la struttura 3D della magnetosfera polare;
  • uno strumento per misurare l’energia e la distribuzione dei vari gas;
  • un sensore di onde radio e plasma;
  • uno spettrografo per i raggi ultravioletti;
  • il JIRAM (Jovian Infrared Auroral Mapper), impiegato per sondare gli strati superiori dell’atmosfera, che è stato fornito proprio dall’Italia;
  • un Advanced Stellar Compass (ASC), che permette alla sonda di orientarsi;
  • lo JADE, per studiare la struttura del plasma presente su Giove;
  • una telescopio-fotocamera, che ha lo scopo di condividere i dati, inviando immagini ed altre informazioni agli studiosi sulla Terra, nel giro di soli quarantotto minuti.

Tra gli obbiettivi della ricerca, c’è anche quella di stabilire la quantità di acqua sul pianeta, ed in base a questa misurazione si potrà capire se Giove è nato fuori o dentro il Sistema Solare.

Tutti gli aggiornamenti della missione di Juno su Giove

Come già accennato, la sonda spaziale Juno è stata lanciata sul razzo Atlas nel 2011 dalla Nasa. Cinque anni dopo il lancio, ovvero nel 2016, la sonda è stata assicurata all’orbita polare di Giove (nel giro di undici giorni) e la sua fase di ascesa è durata circa undici minuti.

Da quando è arrivata a destinazione, Juno ha percorso circa 235 milioni di km intorno a Giove e la missione non è ancora terminata; infatti, è notizia di qualche giorno fa che la missione Juno è stata estesa fino al 2022. Le operazioni scientifiche termineranno presumibilmente a luglio 2021.

Di seguito trovi tutti i principali aggiornamenti, in ordine cronologico, inviati durante il periodo in cui la sonda spaziale è ancorata su Giove.

Juno: le immagini della “chiatta marrone”

Il 26 ottobre 2018, in un momento in cui l’astronave Juno era a circa 7,425 miglia (12 chilometri) dalle nuvole di Giove, lo scienziato Gill ha inviato, mediante la “Junocam“, un’immagine a colori che riprende la formazione meteorologica visibile dall’emisfero australe di Giove, chiamata “chiatta marrone” (brown barge).

Sonda Juno: l'immagine della chitarra marrone

La regione ciclonica visibile mediante l’immagine, di solito, si dissolve nel momento in cui le nubi si distribuiscono nell’atmosfera di Giove. È una visione veramente spettacolare e, soprattutto, rara in quanto i colori spesso si fondono con il resto delle sostanze che vi sono intorno.

Flyby intorno a Giove

Il 6 settembre 2018, durante un flyby a circa 55 miglia intorno al pianeta Giove, la sonda Juno ha scattato una bellissima foto che riprende un sistema vorticoso nell’emisfero sud del pianeta. Di seguito trovi la foto a colori ed il link al post di Instagram della Nasa in cui è stata condivisa l’immagine.

Fonte: Instagram Nasa

La scoperta di un nuovo vulcano sulle lune di Giove

Aggiornamento del 16 luglio 2018. La sonda spaziale Juno ha permesso di scoprire l’esistenza di un vulcano su una delle lune del pianeta Giove. I ricercatori dell’Inaf (Istituto Nazionale di Astro Fisica) mediante l’utilizzo dello Jiram (uno strumento a bordo della sonda) sono riusciti ad individuare un altro vulcano dei circa 400 presenti sul pianeta. Per il momento ne sono stati scoperti soltanto 150 attraverso le varie missioni su Giove.

Di seguito un’immagine che ritrae l’hot spot individuato dall’Inaf, che secondo gli scienziati potrebbe essere una patera (simile ad una caldera).

I segreti delle aurore di Giove

Aggiornamento del 5 luglio 2018. Mediante la sonda spaziale Juno è stato possibile individuare alcune caratteristiche particolari delle aurore di Giove, le quali risultano molto simili a quelle della Terra. Si è scoperto che le lune del pianeta perturbano le aurore (almeno 4 più quelle minori) provocando delle interazioni complesse, questi segnali sono visibili dal nostro pianeta come dei piccoli punti che ruotano intorno alle aurore come se fossero dei satelliti.

Di seguito l’immagine delle aurore di Giove, tratta da www.blitzquotidiano.it:

Le curiosità sul nome Juno ed i Lego a bordo della sonda

Parlando delle curiosità sulla sonda spaziale Juno, si può cominciare dal suo nome, che ha origine dalla dea romana Giunone, la sposa del dio Giove. Sulla sua targa, inoltre, Juno porta delle iscrizioni tratte dai testi di Galileo.

Un fatto che potrebbe far incuriosire e divertire i bambini (ma anche agli adulti), è che a viaggiare con la sonda, oltre agli strumenti, ci sono anche tre figure in alluminio dalla forma di pupazzetti Lego, che riproducono Giunone, Giove e Galileo. A volerli a bordo, è stata proprio l’azienda Lego, che voleva sensibilizzare i più piccoli alla ricerca astronomica, ed alla scienza in generale.

Video della sonda spaziale Juno

Per concludere, di seguito puoi vedere alcuni video sui momenti più significativi della missione Juno.

  • Video del lancio della sonda spaziale avvenuto il 5 agosto 2011, a bordo del razzo Atlas V:

  • Video dell’entrata della sonda Juno nell’orbita di Giove nel 2016 dopo 5 anni di viaggio:

  • Video sulla celebrazione di un anno della sonda Juno intorno a Giove:

Leggi anche:

Condividi su: