Quali sono gli oli essenziali adatti ai bambini

Gli oli essenziali sono delle miscele complesse, i cui usi spaziano dalla fitoterapia alla bellezza, ma bisogna usarli con criterio. In molti si chiedono se possono essere adatti ai bambini, ed infatti ci sono solo alcune essenze adatte ai più piccoli, da utilizzare in via esterna.

Le essenze per i bambini

Per i bambini, da un anno di età in su, vanno usate le essenze più delicate, escludendo quelle tossiche o irritanti. Tra queste si possono includere:

  • la camomilla, dalle proprietà antinfiammatorie ed analgesiche;
  • la lavanda, che oltre ad essere un ottimo antinfiammatorio e decongestionante, è un riequilibrante nervoso;
  • il neroli, ricavato dai fiori d’arancio, ideale per i bambini che soffrono d’insonnia;
  • il mandarino, che non solo aiuta i bambini a combattere l’insonnia, ma anche la tensione nervosa;
  • il geranio, indicato per la cura della pelle;
  • il mirto, antisettico ed espettorante, è l’ideale per combattere le affezioni delle vie respiratorie, e quindi è adatto ai bambini che soffrono di asma.

Come usarli

Per i bambini, gli oli essenziali dovrebbero essere usati solo per uso esterno, per i bagnetti, i massaggi e i diffusori. Per la pelle, in particolare, bisogna procedere con cautela, visto che i bambini hanno una pelle delicata, ed è bene utilizzare come veicolo di un altro olio vegetale, emolliente e dolce, come quello di mandorle.

Dal primo al secondo anno di età, si dovrebbero usare l’olio essenziale di camomilla, per i dolori alla pancia e le difficoltà del sonno, facendo dei massaggi ricorrendo da una a tre gocce, da diluire in trenta millilitri di olio di mandorle.

Dell’olio essenziale di lavanda, se ne dovrebbero usare sempre una, due o tre gocce in un diffusore per l’ambiente, in caso di influenza. Una goccia di olio essenziale di neroli, si può versare nell’acqua per il bagnetto, in modo da conciliare il sonno del bambino ed il suo benessere generale.

Dai due anni in poi, per dei massaggi contro la stitichezza, si possono usare le essenze di mandarino e camomilla, mentre il mirto e la lavanda sono indicati per dei problemi respiratori (come l’asma). Per questi usi bisogna sempre diluire un massimo di tre gocce dell’olio essenziale con trenta millilitri di olio vegetale.

Per favorire il sonno, invece, si può porre nella vaschetta del vaporizzatore, presente nella camera del bambino, una goccia di camomilla e uno di geranio, oppure una goccia di neroli. Il geranio, inoltre, è indicato anche per i bagni rilassanti.

Leggi anche: